18
Feb-2016

Decalogo per bagagli a prova di ispezione

Avviso ispezione bagagli

 

Sapete cos’è quella cosa nella foto qui sopra? Formalmente è una “Notice of baggage inspection” lasciata dalla Tsa, l’autorità americana che si occupa della sicurezza nei trasporti (e di conseguenza dei vostri bagagli).

In realtà è un messaggio in codice che significa più o meno questo: “Vi abbiamo aperto la valigia, abbiamo fatto un po’ di casino, ci siamo fatti i fatti vostri e poi l’abbiamo richiusa. Se per caso vi abbiamo dovuto rompere il lucchetto per aprirla, ci spiace tanto, ma non è colpa nostra, non siamo cattivi, è solo che ci disegnano così”.

Durante l’ultimo tour americano, ci siamo trovati questo simpatico biglietto dentro i bagagli praticamente a ogni viaggio aereo, cosa che ci ha fatto dubitare di aver lasciato inavvertitamente in valigia oggetti potenzialmente pericolosi mascherati tra vestitini e peluche di Elettra. Dopo un primo momento di fastidio puro (sapete, quella spiacevole sensazione di qualcuno che, seppur per nobili fini, ha frugato tra le tue cose private) ogni volta ha prevalso un senso di commossa ammirazione nei confronti degli ispettori della Tsa: ma come diavolo avranno fatto ad aprire le nostre valigie senza soccombere alle onde d’urto dell’esplosione? E soprattutto: come avranno fatto a richiuderle, visto che per farlo noi, in camera d’albergo, avevamo dovuto sederci sopra in tre? A quel punto l’immaginazione vola, e non possiamo non pensare a una nerboruta ispettrice, una di quelle che pochi minuti prima avevano regalato languidi sorrisi a Elettra, proprio una di loro che tenta a calci di chiudere una delle nostre valigie. “Sta mano po’ esse fero, ma po’ esse pure piuma” vale nei vecchi film di Verdone come all’aeroporto di Dallas.

Passato il fastidio, superata l’ammirazione, i biglietti della Tsa sono diventati per noi una sorta di post-it, che ci ricordano che i bagagli vanno fatti bene, perché non si sa mai.

decalogo per bagagli a prova di ispezione

Ecco quindi qualche regoletta che ci siamo dati, imparando dai nostri errori, in queste anni di girovagate prima in due e poi in tre.

  1. Cercate di viaggiare leggeri, come abbiamo già visto in un vecchio post.
  2. Usate SOLO trolley a 4 ruote, di dimensioni civili, evitando i valigioni stile viaggio della speranza.
  3. Tenete sempre a portata di mano una bilancia a gancio, pesa bagagli, molto utile quando si tratta di redistribuire il peso tra le varie borse per evitare multe salate.
  4. Se volete chiudere a chiave borse e valige, accertatevi che il lucchetto sia “approvato dalla Tsa”, cioè apribile da loro con un passe-partout speciale. Almeno vi risparmierete la grana di trovatello spaccato e doverlo ricomprare.
  5. Se proprio vi accorgete, magari al rientro di un viaggio dove avete acquistato più souvenir del previsto, che quelle statuette indiane non ne vogliono proprio sapere di stare nelle borse che avete, allora meglio comprare una valigia in più che sforare il peso consentito in tutte le altre.
  6. Il materiale elettrico (cavi, gadget tecnologici, batterie ecc) potenzialmente potrebbe causare qualche grattacapo ai controlli. O lo imbarcate, oppure riunitelo in un solo bagaglio a mano e state pronti a svuotarlo.
  7. Se avete collezionato lattine di birra, bibite o altri liquidi considerate di mettere il tutto nel bagaglio imbarcato o di farvi una bella bevuta in aeroporto, perché tanto sul volo non potrete portarle.
  8. In uno dei bagagli a mano ci deve stare tutto – ma proprio tutto – quello che serve ai bambini, dalle medicine (portavi le prescrizioni mediche e state pronti a farvi ispezionare barattoli e tubetti) al cuscino-per-dormire-a-forma-di-gattino. Essenziale qualcosa da succhiare, come ciuccio o biberon per decolli e atterraggi (aiuta a minimizzare i problemi alle orecchie dovuti alla pressione) e, almeno per noi, i braccialetti antinausea, che sono uno dei pochi strumenti a misura di bambino, se non volete ricorrere al Valium.
  9. Sugli aerei piccoli i posti per il bavaglio a mano si esauriscono rapidamente. Imbarcatevi tra i primi, oppure potreste essere costretti a spedire il vostro bagaglio a mano nella stiva, gratuitamente, ma con relativa rottura di scatole e di oggetti!
  10. Preparatevi al peggio con rassegnata allegria: abbiamo visto zainetti di Barbie appartenenti a dolcissime bimbe bionde coi codini trattati come pacchi bomba, e sospettiamo che alle origine delle ispezioni del nostro bagaglio ci fossero alcuni temibili succhi di frutta monodose e un paio di lattine magnum di te freddo.

 

E…enjoy your flight!

0

 "Mi piace" / 0 Commenti
Condividi questo articolo:

Commenta

Archivio

> <
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec